Legambiente Marche
 
 
   
 
 
 
home
circoli nelle Marche
diventa socio
appuntamenti
news
comunicati stampa
links amici
 

 
5x1000 a Legambiente
Convenzione dei Soci di Legambiente
SISMA CENTRO ITALIA
Progetti 8perMille Chiesa Valdese
Progetto Pluriennale Raccolta Differenziata Provincia AP
LE COMUNITA' DELL'ENERGIA
Life+Trota
GOLETTA VERDE E AREA MARINA PROTETTA DEL CONERO
LEGAMBIENTE E LE SCUOLE
CONSUMO DI SUOLO NELLE AREE COSTIERE
RIDURRE SI PUÒ NELLE MARCHE
PULIAMO IL MONDO
COMUNI RICICLONI PER LA REGIONE MARCHE
 

 
 
Iscriviti alla mailing list di
legambiente marche onlus
     
e-mail
     
nome
     
Informativa sulla privacy
accetto le condizioni
     
 
 
 
Chi-siamo: aziende e professionisti Area-clienti.com: produzione, vendita e servizi Scrivimi.net: ecommerce, vetrina prodotti, news, comunicati stampa Risparmio energetico Hotel Senigallia Alberghi Senigallia Videosorveglianza


Qualità dell'aria, le associazioni scrivono al Ministro Galletti
2015-06-09 18:15:37Ci siamo rotti i polmoni

Ogni anno l’inquinamento dell’aria è causa di oltre 400.000 morti premature nei paesi dell’Unione Europea
In previsione della riunione del Consiglio europeo dell’ambiente del prossimo 15 giugno, che avrà come oggetto la revisione della direttiva sui limiti alle emissioni nazionali (NEC), le associazioni che aderiscono allo European Environmental Bureau, tra cui Legambiente, hanno scritto ai rispettivi ministri dell’Ambiente per rimarcare la necessità di un’azione più decisa per ridurre l’inquinamento atmosferico e migliorare la qualità dell’aria in Europa: "non perdiamo l'occasione per tutelare la salute pubblica".

Tra le richieste più pressanti delle associazioni ai ministri c’è il rafforzamento degli impegni di riduzione delle emissioni al 2030 al fine di raggiungere l’obiettivo di qualità dell'aria dell'UE che consenta di avere "livelli di qualità dell'aria che non comportino impatti negativi significativi e rischi per la salute umana e l'ambiente"; ulteriori impegni di riduzione delle emissioni giuridicamente vincolanti per il 2025; e la garanzia di una maggiore coerenza tra gli obiettivi dei diversi atti legislativi dell'UE in materia di aria.

Leggi la lettera