Legambiente Marche
 
 
   
 
 
 
home
circoli nelle Marche
diventa socio
appuntamenti
news
comunicati stampa
links amici
 

 
5x1000 a Legambiente
Convenzione dei Soci di Legambiente
SISMA CENTRO ITALIA
Progetti 8perMille Chiesa Valdese
Progetto Pluriennale Raccolta Differenziata Provincia AP
LE COMUNITA' DELL'ENERGIA
Life+Trota
GOLETTA VERDE E AREA MARINA PROTETTA DEL CONERO
LEGAMBIENTE E LE SCUOLE
CONSUMO DI SUOLO NELLE AREE COSTIERE
RIDURRE SI PUÒ NELLE MARCHE
PULIAMO IL MONDO
COMUNI RICICLONI PER LA REGIONE MARCHE
 

 
 
Iscriviti alla mailing list di
legambiente marche onlus
     
e-mail
     
nome
     
Informativa sulla privacy
accetto le condizioni
     
 
 
 
Chi-siamo: aziende e professionisti Area-clienti.com: produzione, vendita e servizi Scrivimi.net: ecommerce, vetrina prodotti, news, comunicati stampa Risparmio energetico Hotel Senigallia Alberghi Senigallia Videosorveglianza


Operazione Guardie Venatorie
2017-11-09 16:33:44

Sorpreso dalle Guardie Venatorie Volontarie Legambiente e WWF un cacciatore mentre utilizzava un richiamo elettromagnetico vietato

L’uomo rischia ora una pesante ammenda fino a 1.500 euro



Continuano le operazioni delle Guardie Venatorie volontarie di Legambiente e WWF per contrastare il fenomeno del bracconaggio nel territorio marchigiano. Nei giorni scorsi infatti, proprio durante un controllo a tutela della fauna migrante ai confini delle province di Ancona e Pesaro, le Guardie Giurate del Cigno e del Panda hanno sorpreso, nel comune di Corinaldo (AN), un cacciatore in possesso di un richiamo elettromagnetico vietato in grado di riprodurre artificialmente il canto della fauna selvatica migratoria. Immediato è stato l’intervento degli uomini del Comando Carabinieri Forestali di Ancona, che, dopo gli accertamenti di rito, hanno provveduto al sequestro delle armi e delle munizioni in possesso dell’uomo.
Fortunatamente il bracconiere non era ancora riuscito ad abbattere nessun esemplare di fauna selvatica, nonostante il richiamo vietato fosse impostato sul canto dell’allodola, un piccolo migratore presente in Italia e attualmente in forte diminuzione proprio a causa della caccia, del bracconaggio e della distruzione degli habitat.
Il cacciatore bracconiere rischia ora una pesante ammenda fino a 1.500 euro e la confisca del richiamo vietato, mentre fucili e munizioni rimarranno a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. La proficua collaborazione tra le Guardie Venatorie Volontarie e i Carabinieri Forestali ha consentito di individuare l’ennesimo caso di bracconaggio ai danni del patrimonio faunistico nazionale, da sempre bene indisponibile dello Stato da conservare per le generazioni future.