Legambiente Marche
 
 
   
 
 
 
home
circoli nelle Marche
diventa socio
appuntamenti
news
comunicati stampa
links amici
 

 
Bando Servizio Civile
LEGAMBIENTE E IL TERREMOTO
ECOFORUM MARCHE
5x1000 a Legambiente
Convenzione dei Soci di Legambiente
Progetti 8perMille Chiesa Valdese
Progetto Pluriennale Raccolta Differenziata Provincia AP
LE COMUNITA' DELL'ENERGIA
Life+Trota
RICICLAESTATE MARCHE
GOLETTA VERDE E AREA MARINA PROTETTA DEL CONERO
LEGAMBIENTE E LE SCUOLE
CONSUMO DI SUOLO NELLE AREE COSTIERE
RIDURRE SI PUÒ NELLE MARCHE
GUARDIE ZOOFILE
PULIAMO IL MONDO
COMUNI RICICLONI PER LA REGIONE MARCHE
 

 
 
Iscriviti alla mailing list di
legambiente marche onlus
     
e-mail
     
nome
     
Informativa sulla privacy
accetto le condizioni
     
 
 
 
Chi-siamo: aziende e professionisti Area-clienti.com: produzione, vendita e servizi Scrivimi.net: ecommerce, vetrina prodotti, news, comunicati stampa Risparmio energetico Hotel Senigallia Alberghi Senigallia Videosorveglianza


Legambiente sulla firma del protocollo di intesa per l’utilizzo degli aggregati
2018-02-12 16:23:18

“Importante passo avanti per una gestione innovativa delle macerie. Ora è importante formalizzare l’istituzione di un tavolo di lavoro che porti ad un lavoro condiviso”.

“Esprimiamo soddisfazione per l’accordo stipulato venerdì tra Regione Marche e il comune di Monteprandone, che rappresenta un importante e prezioso passo avanti per introdurre una filiera virtuosa e innovativa nella gestione delle macerie. Questo è uno degli obiettivi che si è dato con determinazione l’Osservatorio per la ricostruzione di qualità, promosso da Legambiente e Fillea, in un’ottica di economia circolare. – commenta Francesca Pulcini, presidente di Legambiente Marche – Per fare questo chiediamo che venga formalizzato un tavolo di lavoro tra tutti i soggetti interessati e coinvolti, alcuni dei quali hanno partecipato all’incontro per la firma del protocollo, e venga dato l’avvio ai lavori, anche attraverso il coinvolgimento dei diversi soggetti pubblici e privati interessati. Un presupposto per dare seguito con coerenza all’impegno manifestato con questo atto regionale. Questo percorso rappresenta anche un modello con cui la Regione Marche può offrire una soluzione concreta, innovativa e positiva per la risposta alle emergenze”.