Legambiente Marche
 
 
   
 
 
 
home
circoli nelle Marche
diventa socio
appuntamenti
news
comunicati stampa
links amici
 

 
LEGAMBIENTE E IL TERREMOTO
ECOFORUM MARCHE
5x1000 a Legambiente
Convenzione dei Soci di Legambiente
Progetti 8perMille Chiesa Valdese
Progetto Pluriennale Raccolta Differenziata Provincia AP
LE COMUNITA' DELL'ENERGIA
Life+Trota
GOLETTA VERDE E AREA MARINA PROTETTA DEL CONERO
LEGAMBIENTE E LE SCUOLE
CONSUMO DI SUOLO NELLE AREE COSTIERE
RIDURRE SI PUÒ NELLE MARCHE
GUARDIE ZOOFILE
PULIAMO IL MONDO
COMUNI RICICLONI PER LA REGIONE MARCHE
 

 
 
Iscriviti alla mailing list di
legambiente marche onlus
     
e-mail
     
nome
     
Informativa sulla privacy
accetto le condizioni
     
 
 
 
Chi-siamo: aziende e professionisti Area-clienti.com: produzione, vendita e servizi Scrivimi.net: ecommerce, vetrina prodotti, news, comunicati stampa Risparmio energetico Hotel Senigallia Alberghi Senigallia Videosorveglianza


Legambiente sui rifiuti nelle spiagge marchigiane
2018-05-08 15:04:12

“Grave problema per l’ecosistema marino e per il turismo. Urgente affrontare le cause del problema. I volontari di nuovo in azione per monitorare lo stato dei nostri litorali in occasione dell’indagine Beach Litter”.

Oltre 2mila i rifiuti trovati lo scorso anno nelle spiagge di Marzocca di Senigallia, Marina di Montemarciano, Torrette di Ancona, Porto Sant’Elpidio Faleriense, Lido San Tommaso di Fermo, della Riserva della Sentina di San Benedetto del Tronto.

L’83% era costituito da plastica.


“Il problema dei rifiuti spiaggiati riguarda purtroppo molti lidi marchigiani e rappresenta un grave problema per l’ecosistema marino e per il turismo in vista della stagione estiva.” – dichiara Francesca Pulcini, presidente di Legambiente Marche – “La cattiva gestione dei rifiuti urbani (scorretta gestione dei rifiuti a monte, attività turistiche e ricreative, abbandono consapevole) è responsabile della metà dei rifiuti presenti sulle nostre spiagge assieme alle attività produttive pesca e acquacoltura. L’inefficienza dei sistemi depurativi inoltre, denunciata da anni da Goletta Verde, si ripercuote anche sulla presenza dei rifiuti sulle spiagge ed è responsabile della presenza del 7% del beach litter. La principale responsabilità va ricercata nelle carenze del sistema di depurazione italiano, ma anche nella cattiva abitudine dei cittadini di buttare i rifiuti urbani nel wc, a partire dai cotton fioc che rappresentano l’85% dei rifiuti riconducibili a questo problema e che poi si ritrovano sugli arenili andando a comporre un “tappeto multicolore” di bastoncini.”

Solo lo scorso anno, nell’ambito dell’indagine Beach Litter, nelle spiagge di Marzocca di Senigallia, Marina di Montemarciano, Torrette di Ancona, Porto Sant’Elpidio Faleriense, Lido San Tommaso di Fermo, della Riserva della Sentina di San Benedetto del Tronto e di Civitanova erano stati trovati oltre 2000 rifiuti. Regina indiscussa era stata la plastica, che costituiva l’83% degli oggetti trovati, seguita a pari merito da vetro/ceramica (4%), metallo (4%), rifiuti di carta (4%), e da tessili (2%), gomma (2%) e legno (1,5%). sono state monitorate dai volontari di Legambiente. A guidare la top ten dei rifiuti spiaggiati più trovati erano stati piccoli pezzi di plastica fino a 2,5cm che costituivano il 21,4%. Secondo posto per tappi e coperchi, un mix di plastica e metallo per il 12,3%. Medaglia di bronzo per reti o sacchi per mitili o ostriche (7,6%). Infine, bottiglie o contenitori di plastica per bevande (5,5%) e mozziconi di sigarette (5,4%).

“Proprio per questi motivi - conclude Pulcini - è importante mettere in campo politiche unitarie a livello regionale di corretta gestione dei rifiuti e incentivare campagne di sensibilizzazione e informazione che coinvolgano le Amministrazioni, i cittadini, le scuole e gli studenti, approfondendo con loro il tema del marine litter e facendo conoscere le soluzioni che passano anche dalla prevenzione dei rifiuti in mare e in spiaggia, dalla raccolta differenziata e dal riciclo. Proponiamo, inoltre, di riunire uno specifico tavolo di lavoro regionale che riunisca le forze economiche e sociali, il mondo della ricerca e tutti i portatori di interesse per affrontare questo delicato tema. Per il quinto anno consecutivo, i volontari di Legambiente sono già al lavoro per monitorare le spiagge marchigiane per aggiornare l’indagine Beach Litter, condotta da Legambiente nei mesi di aprile e maggio nell’ambito di Spiagge e Fondali Puliti, che si svolgerà dal 25 al 27 maggio. Il nostro mare e le coste sono una ricchezza preziosa che dobbiamo assolutamente tutelare”.