Legambiente Marche
 
 
   
 
 
 
home
circoli nelle Marche
diventa socio
appuntamenti
news
comunicati stampa
links amici
 

 
LEGAMBIENTE E IL TERREMOTO
ECOFORUM MARCHE
5x1000 a Legambiente
Convenzione dei Soci di Legambiente
Progetti 8perMille Chiesa Valdese
Life+Trota
RICICLAESTATE MARCHE
GOLETTA VERDE E AREA MARINA PROTETTA DEL CONERO
LEGAMBIENTE E LE SCUOLE
CONSUMO DI SUOLO NELLE AREE COSTIERE
RIDURRE SI PUÒ NELLE MARCHE
GUARDIE ZOOFILE
PULIAMO IL MONDO
COMUNI RICICLONI PER LA REGIONE MARCHE
 

 
 
Iscriviti alla mailing list di
legambiente marche onlus
     
e-mail
     
nome
     
Informativa sulla privacy
accetto le condizioni
     
 
 
 
Chi-siamo: aziende e professionisti Area-clienti.com: produzione, vendita e servizi Scrivimi.net: ecommerce, vetrina prodotti, news, comunicati stampa Risparmio energetico Hotel Senigallia Alberghi Senigallia Videosorveglianza


Legambiente sul canale Enel a Serra San Quirico
2018-05-30 14:11:36

“Ancora nessun provvedimento per la messa in sicurezza. Così altri animali continueranno a morire”. Nonostante le segnalazioni da parte di cittadini, associazioni e gli avvertimenti dei Carabinieri Forestali, l’Enel non ha ancora preso alcun provvedimento per mettere in sicurezza il canale artificiale che serve la centrale idroelettrica di Serra San Quirico.

Così, cercando di arginare la moria di poveri animali, già domenica 27 maggio alcuni cittadini, volontari Enpa e Legambiente si sono messi all’opera per installare dei dissuasori visivi artigianali, sperando che spaventino gli animali e ne impediscano la caduta in acqua. Due giorni dopo, martedì 29, appena arrivati, gli stessi volontari hanno trovato un altro gatto morto, vicino alla carcassa in decomposizione di quello avvistato domenica. I volontari, armati di strisce di plastica, reti rosse da cantiere, vecchi cd e altro materiale di fortuna, hanno cercato di creare una barriera che fermi gli animali, soprattutto caprioli, intimoriti da oggetti sconosciuti. Nel percorso i volontari hanno potuto verificare come alcuni tratti del canale siano completamente sprovvisti di rete di protezione, mentre in altri la rete è addirittura assente, come in un punto particolarmente pericoloso, in cui il canale interseca la strada che porta a Castellaro, una frazione di Serra San Quirico.
Il lavoro è appena iniziato, forse non servirà a molto, ma almeno si spera sia utile a mantenere alta l’attenzione su un problema per troppo tempo trascurato. Chiediamo, quindi, nuovamente alle autorità competenti e a chi ha responsabilità di intervenire al più presto e di mettere in sicurezza il canale in modo adeguato.