home
circoli nelle Marche
diventa socio
appuntamenti
news
comunicati stampa
links amici
 

 
LEGAMBIENTE E IL TERREMOTO
ECOFORUM MARCHE
5x1000 a Legambiente
Convenzione dei Soci di Legambiente
Progetti 8perMille Chiesa Valdese
Progetto Pluriennale Raccolta Differenziata Provincia AP
LE COMUNITA' DELL'ENERGIA
Life+Trota
RICICLAESTATE MARCHE
GOLETTA VERDE E AREA MARINA PROTETTA DEL CONERO
LEGAMBIENTE E LE SCUOLE
CONSUMO DI SUOLO NELLE AREE COSTIERE
RIDURRE SI PUÒ NELLE MARCHE
GUARDIE ZOOFILE
PULIAMO IL MONDO
COMUNI RICICLONI PER LA REGIONE MARCHE
 

 
 
Iscriviti alla mailing list di
legambiente marche onlus
     
e-mail
     
nome
     
Informativa sulla privacy
accetto le condizioni
     
 
 
 
Chi-siamo: aziende e professionisti Area-clienti.com: produzione, vendita e servizi Scrivimi.net: ecommerce, vetrina prodotti, news, comunicati stampa Risparmio energetico Hotel Senigallia Alberghi Senigallia Videosorveglianza

GUARDIE ZOOFILE

GUARDIE ZOOFILE LEGAMBIENTE MARCHE

È operativo il Nucleo di Vigilanza Zoofila
per contrastare il randagismo e il maltrattamento di animali. Attivi in tutta la Provincia di Ancona, i volontari operano in stretta collaborazione con la Procura del capoluogo e a sostegno delle istituzioni e forze dell’ordine.
Se qualcuno volesse dare un aiuto concreto o effettuare segnalazioni, può contattarci al num. fisso 071/200852, al cell. 347/6491767, scrivere una e-mail all'indirizzo
guardiezoofile@legambientemarche.org
o contattarci tramite la nostra pagina facebook


Il Gruppo nasce dalla fusione dei gruppi di vigilanza ambientale-zoofila di Legambiente e quello del WWF Ancona, il Nucleo di Vigilanza Zoofila di Ancona, unico soggetto di riferimento delle Guardie Zoofile volontaria nella Provincia di Ancona, costituito per la tutela degli animali da affezione, per il contrasto dei reato in danno agli animali e per contrastare il fenomeno dell’abbandono degli animali.

Il gruppo conta ad oggi circa 30 Guardie Zoofile attive ed altri volontari che hanno funzioni di supporto e nel corso dell’ultimo anno di attività hanno effettuato circa 3.110 controlli all’anagrafe canina, iscritto oltre 280 cani all’anagrafe competente con l’applicazione del microchip, portato a termine 18 sequestri penali per maltrattamento animali e detenzione incompatibile – tutti convalidati dalla Procura della Repubblica di Ancona -, effettuato oltre 30 controlli per inconvenienti igienico-sanitari e maltrattamento nelle colonie feline, svolto 35 controlli post affido di cani e gatti ed elevato 106 verbali di Accertamento Amministrativo per violazioni in materia di detenzione di animali di affezione.

Questi i numeri dei due nuclei di vigilanza che oggi sono fusi in un nuovo ed unico gruppo di Guardie Zoofile volontarie grazie alla firma del protocollo di coordinamento tra i due Nuclei. L’accordo, oltre a rafforzare il rapporto tra le due associazioni, ha come obiettivo quello di attivare la collaborazione con istituzioni e forze dell’ordine per contrastare il maltrattamento degli animali, in particolare con il Corpo Forestale dello Stato e con il N.I.R.D.A. (Nucleo Investigativo Reati Danno Animali).
In applicazione della Legge 189/2004, il Nucleo opera già in maniera sinergica sia con la Procura della Repubblica di Ancona, a cui riferisce le notizie di reato e a cui trasmette dettagliato rapporto delle attività compiute e delle problematiche e delle criticità emerse nel corso dell’attività, sia con il Servizio Veterinario dell’ASUR, competente in materia in molti aspetti legati alla detenzione di animali da affezione. Collabora inoltre con molti Comuni della Provincia per tutte le problematiche legate al fenomeno del randagismo e delle colonie feline, esercitando sia un’azione preventiva sia accertando autonomamente violazioni penali ed amministrative a danno degli animali da affezione.

Le guardie zoofile, munite di apposito decreto di approvazione rilasciato dal Prefetto di Ancona, operano almeno in coppia e sono dotati di una divisa e tesserino di riconoscimento, esercitano sempre disarmati e devono qualificarsi ai cittadini sottoposti a controllo.

E' attiva la Scuola di Alta Formazione Antibracconaggio!
I corsi di formazione, della durata complessiva di 208 ore di docenza, tra lezioni frontali ed esercitazioni pratiche, puntano sulle competenze cinofile indispensabili allo sviluppo di tecniche quali tracking, trailing e detection unite alle informazioni utili per la corretta e più efficace azione della vigilanza volontaria prima, durante e dopo l’intervento sul campo, operando sempre in stretta sinergia e coordinamento con l’Arma dei Carabinieri e le altre Forze di polizia.
Il corso si articola in due fasi: la parte generale, iniziale e comune a conduttori cinofili, guardie volontarie e guardie parco, di inquadramento, che si sviluppa in circa 30 ore di docenza, e la parte specialistica, di circa 180 ore di docenza, che si articola in due percorsi paralleli, uno specifico per i conduttori cinofili e l’altro specifico per le guardie volontarie e le guardie parco. Per poter accedere alle prove d’esame finale è indispensabile una frequenza pari o superiore all’80% del monte ore previsto.
I conduttori cinofili sono invitati a partecipare con cani che abbiano un’età minima di 3 mesi, che abbiano completato il ciclo delle vaccinazioni e siano in condizioni di buona salute. Circa le attitudini, ogni cane verrà valutato nel corso della formazione, ed anche questo fa parte della formazione del conduttore, il quale, durante il percorso didattico, riceverà le nozioni utili alla preparazione del proprio cane e anche di altri cani.
Al termine della formazione si tengono le prove d’esame, distinte per le unità cinofile e per la guardie volontarie e le guardie parco e, a seguito del superamento delle stesse, vengono rilasciati ai Conduttori Cinofili e alle Guardie volontarie e alle Guardie parco i “Diplomi di Alta Formazione Antibracconaggio”, che vanno a confluire negli specifici Albi nazionali, tenuti da Legambiente.
Le Unità Cinofile Antibracconaggio ricevono apposito Patentino identificativo, con il nominativo del conduttore cinofile abbinato alla propria componente canina, e vanno a confluire nello specifico Albo nazionale.

Per tutte le info basta collegarsi qui


E' IMPORTANTE SAPERE!

ANAGRAFE CANINA

Iscrizione
I detentori a qualsiasi titolo di cani sono tenuti ad iscriverli all'anagrafe canina entro 10 giorni dalla nascita o dall'acquisizione del possesso. Art. 6 comma 2 L.R. N° 10/97
Sanzioni art. 21 L.R. 10/97 da € 125 € 750

Cucciolate
Iscrizione all'anagrafe entro 60 giorni dalla nascita Art. 6 comma 2 L.R. N° 10/97
Successivo inserimento del microchip entro 2 mesi dalla nascita (O.M. 06/08/2008)
Sanzioni art. 21 L.R. 10/97 da €125 a € 750

Trasferimento
E' obbligo dei proprietari o dei detentori comunicare per iscritto al Servizio Veterinario dell'ASUR entro 10 giorni il trasferimento a qualsiasi titolo dell'animale (Art. 9 comma 1 lett.c) Sanzioni art. 21 L.R. 10/97 da € 125 € 750

Scomparsa
E' obbligo dei proprietari o dei detentori segnalare al Servizio Veterinario dell'ASUR la scomparsa del cane immediatamente con il mezzo di comunicazione più rapido (telefono ecc) e poi anche per iscritto entro 2 giorni (Art. 9 c. 1 lett.a) L.R. 10/97)
Sanzioni art. 21 L.R. 10/97 da € 78 € 233

Morte
E' obbligo dei proprietari o dei detentori segnalare al Servizio Veterinario dell'ASUR per iscritto, entro il secondo giorno successivo all'evento, la morte del cane, per consentire al medesimo l'accertamento delle cause della morte, qualora non riferibili a malattia comune già diagnosticata.( Art. 9 c.1 lett.b L.R. 10/97)
Sanzioni art. 21 L.R. 10/97 da € 125 € 750

DETENZIONE DEI CANI

DETENZIONE A CATENA

E' vietata. Sanzioni art. 21 L.R. 10/97 da € 125 € 750

REQUISITI DELL'AREA DI DETENZIONE

All'aperto
I cani devono avere la possibilità di ripararsi dal sole e dalle intemperie. Devono inoltre disporre di una cuccia ben coibentata e impermeabilizzata con all'interno un pianale rialzato in materiale plastico o in listelli di legno (Art. 1 c. 1 del RR 2/01)
Sanzioni art. 21 L.R. 10/97 da € 125 € 750

Spazi delimitati
devono avere una dimensione minima di 8 mq per ciascun capo adulto. Eventuali locali, inoltre devono essere aperti verso l'esterno, per consentire sufficiente illuminazione e ventilazione, e devono disporre comunque di cucce. Al cane deve essere assicurata quotidianamente la possibilità di muoversi liberamente.
Art. 1 comma 3 RR n° 2/2001 Sanzioni art. 21 L.R. 10/97

CONDIZIONI IGIENICHE E BENESSERE

Lo spazio occupato in modo permanente dagli animali da affezione deve essere mantenuto in buone condizioni igieniche (Art. 1 comma 2 del RR n°2/01)
Sanzioni art. 21 L.R. 10/97 da € 125 a € 750

E' vietato detenere animali da affezione in numero o in condizioni tali da causare problemi di natura igienico-sanitari, ovvero da recare pregiudizio al benessere degli animali stessi.
(Art. 1 comma 7 del RR n°2/01) Sanzioni art. 21 L.R. 10/97 da € 125 € 750

In presenza di patologie, i cani devono essere sottoposti a cure da parte dei medici veterinari. (Art. 1 comma 6 del. RR n° 2/01) Sanzioni art. 21 L.R. 10/97 da € 200 € 1200

I proprietari o detentori dei cani devono evitare che i loro cani lascino escrementi sul suolo pubblico.
quindi nel rispetto dei bambini, delle persone e dell'ambiente è bene ricordarsi di raccogliere le deiezioni!
(le sanzioni vengono applicate in riferimento alle ordinanze dei comuni)

GUARDIE ZOOFILE LEGAMBIENTE MARCHE
rassegna stampa
comunicati stampa
link amici
galleria fotografica
 

risorse

 
Clicca sulle voci sottostanti per espandere i box desiderati.
 
clicca qui per espandere o chiudere il box della galleria fotografica